Leggi Periniane sul cibo

Ci sono leggi della fisica a cui non si può sfuggire.
Ci sono leggi della vita a cui non si può sfuggire.

E ci sono anche leggi del cibo a cui non si può sfuggire.

Queste sono le Leggi Periniane sul cibo.
Andrea Perini, il creatore di queste leggi, è di fatto una persona che potrebbe essere l’antitesi del dietologo. Però ha fatto del cibo un’arte e, nonostante sia estremamente sovrappeso, negli anni ha sviluppato un suo unico modo di approciare il cibo.

Negli anni ha dispensato varie perle di saggezza sull’argomento, ma tre su tutte vengono ritenute al pari delle leggi della termodinamica o dei postulati di Euclide.

1° legge: Più ci metti, più ci trovi.
2° legge: Due formaggi, ok. Due salumi, mai.

Queste sono due leggi riguardanti i panini nello specifico, ma possono essere applicate ad una vasta gamma di cibarie. Sulla base di queste due leggi possono venire costruiti piatti e panini multistrato che farebbero invidia al peggiore del McDonald’s, fino ad arrivare al mitico “setteingredienti”, considerato da molti il Nirvana del panino:
– Crudo
– Pomodoro
– Salsa d’olive\acciughe
– Uovo
– Maionese
– Due formaggi, in genere formaggella e filadelfia

Inoltre, c’è la 3° legge, che dovrebbe essere ciò a cui dovrebbe far riferimento ogni buona dieta.

3) Mangiando un alimento di peso x, potrai ingrassare al massimo di x

Sembrerebbe solamente un modo diverso per scrivere un ben noto principio della termodinamica, ma questo è un piccolo pezzo di verità che molte donne tentano di ignorare.
Sì, ti puoi permettere di mangiare quei 20 dannatissimi grammi di torta o quel singolo dannatissimo cioccolatino, perché al massimo ingrasserai di 20 grammi smaltibili con due corse su e giù per le scale.

Possibile che si possa vivere senza tenere sempre a mente queste tre leggi fondamentali?

Google oggi ha portato queste ricerche a Zio Amidee…

donne che hanno per la loro emancipazion
FRASI PER LA CASA
scrivere veloce pc
adolescenza vantaggi e svantaggi
sms per invitare una persona a cena
si possono fare i figli dal culo (EH?!)
come fare video effetto italia 1
ci sono ancora donne che non possono far
come sei veramente spartito

Annunci

11 thoughts on “Leggi Periniane sul cibo

  1. Salvatore ha detto:

    Il problema della legge numero 3 è che si può “non dimagrire” di molto di più del peso del cioccolatino :).
    Se uno è a dieta per poter smaltire il grasso accumulato, costringendo il corpo a utilizzare le riserve minimizzando gli alimenti “facili” da bruciare, un singolo cioccolatino può far saltare il dimagrimento previsto della giornata (anche di più a volte, dipende dalla dieta), perché il corpo dice “cavoli, sto facendo la fame da giorni, mi sto sforzando per utilizzare gli accumuli, mi arriva un bel cioccolatino pieno pieno di zuccheri semplici, utilizziamo questi e per oggi ce li facciamo bastare”.
    Questo è il principio alla base della maggior parte delle diete *dimagranti*.
    Poi se uno non è a dieta, sono d’accordo che non bisogna farsi mancare nulla ;), però trovo il “setteingredienti” più che il Nirvana del panino il cassonetto del gusto :P.

  2. Salvatore ha detto:

    P.S. Hai disattivato le faccine o si sono rotte? :P

  3. Salvatore ha detto:

    Ah, un commento sulle ricerche di Google (poi dici che non le leggo mai :P): “Come sei veramente” di Giovanni Allevi è una canzone bellissima, che fa da sottofondo musicale allo spot della BMW (quello “sei ancora capace di perderti?”).
    Vale davvero la pena di essere ascoltata, come tutto l’album (del quale però è a mio parere la migliore).

  4. sissi ha detto:

    “Una dieta bilanciata è avere un biscotto in entrambe le mani”

  5. darionescu ha detto:

    A superquark quest’estate c’era un servizio nel quale era dimostrato che spesso le persone magre sono quelle che nel quotidiano svolgono attività fisiche che potrebbero essere evitate coi vari confort. Ad esempio: fare le scale per arrivare a casa. Oppure camminare speditamente, ma non con fretta, semplicemente avendo un ritmo elevato. Spesso mi capita di mettermi a correre per raggiungere un luogo, per non essere in ritardo. Anche questi piccoli gesti quotidiani aiutano a rimanere in forma!!! Quindi cara donna del 2007, chinuque tu sia, l’importante è che cominci a correre!

  6. axelmanhattan ha detto:

    iL TUO DISCORSO SUI CIOCCOLATINI E SULLE DONNE NON HA MOLTO SENSO E PER DIMOSTRARLO BASTEREBBE UN PO’ DI BUON SENSO.

    MA VISTO CHE SON STATO RIMPROVERATO DI NON BASARE I MIEI RAGIONAMENTI SU DATI :)
    ORA INFARCIRò IL MIO DISCORSO DI DATI INUTILI presi da
    http://www.sportmedicina.com/dieta_zona_-_pro_e_contro.html

    Esempio
    Se volessi impostare una Dieta Zona per un soggetto maschio con le seguenti caratteristiche:
    Peso
    80 Kg
    Circonferenza Polso
    16.5 cm
    Circonferenza Vita
    78.5 cm
    Livello d’Attività
    Intensa
    e l’obiettivo fosse il mantenimento, farei come segue:

    – Stabilisco il fabbisogno proteico in 162 gr. di proteine al gg.

    – Calcolo l’ammontare dei carboidrati facendo (162:7)x9=208 gr.

    – Calcolo l’ammontare dei grassi facendo (162:7)x3=69 gr.

    La dieta apporterebbe dunque 2101 Kcal

    Calcolo i blocchi relativi ad ogni macronutriente

    Proteine
    23.1
    Carboidrati
    23.1
    Grassi
    23

    Suddivido i blocchi per il numero di pasti che stabilisco di fare.

    Colazione
    5.3

    Spuntino
    2.5

    Pranzo
    4.4

    Spuntino
    3.2

    Cena
    4.4

    Spuntino
    3.2

    Calcolo il contributo di ciascun macronutriente ad ogni pasto, trasformando i blocchi in grammi.

    Esempio per la colazione: (5.3×7)=37.2 ; (5.3×9)=47.8 ; (5.3×3)=15.9

    GRAMMI
    Prot.
    Carbo.
    Grassi

    Colazione
    37.2
    47.8
    15.9

    Spuntino
    17.8
    22.9
    7.6

    Pranzo
    30.7
    39.5
    13.2

    Spuntino
    22.6
    29.1
    9.7

    Cena
    30.7
    39.5
    13.2

    Spuntino
    22.6
    29.1
    9.7

    Elaboro una dieta con 6 pasti i cui valori dei macronutrienti corrispondano a quelli della tab. precedente. Sicuramente ne risulterà una dieta 40/30/30 che oltre a garantirmi un adeguato apporto proteico, mi permetterebbe di migliorare notevolmente le capacità lipolitiche del mio corpo.

    ORA IN UN CIOCCOLATINO X (ics) di 20 grammi DICIAMO CHE CI SIANO
    2g di proteine 10g di carboidrati e 8g di grassi
    E CHE IN UN FETTA DI TORTA AL CIOCCOLATO di 100 grammi (perchè è questo il peso di una fetta normale di sachertorte) CI SIANO
    6g di proteine 60g di carboidrati e 45g di grassi

    STABILITO questo se per colazione (pasto principale) un uomo di 80 chili può mangiare 47 grammi di carboidrati e 15 di grassi e, mangiando una fetta di torta ne assimila 60 e 45 grammi sforando relativamente di 13 e 30 grammi. E’ quindi ovvio che l’equilibrio della dieta è fottuto. Tutto ciò su un uomo di 80 chili con una attività intensa: immaginatevi su un dolce fanciulla di 50 chili (o meno).

    E’ ovvio che un cioccolatino non fa molto! Ma uno al giorno, o addirittura una fetta di torta al giorno (anche mezza) per una donna di donna di 50 chili che non fa un cazzo nella vita!!!
    Hai dimenticato un principio della scienza prima che della termodinamica: “prima di parlare si ragiona”
    NON STAI MANGIANDO UN SASSO CHE TI FA AUMENTARE DEL PESO INGERITO!!! Durante la digestione il cibo viene trasformato principalmente in energia o in grassi a cui il genere femminile è particolarmente suscettibile.

    AF

    e tutto questo senza tener conto di problemi metabolici provocati da stress e affiliati, che sono una delle maggiori cause di disfunzioni alimentari… ma non sono dati materiali… peccato :)

  7. Amidee ha detto:

    Non ho capito se mi stai criticando o no °°

  8. silencesorrow ha detto:

    nn ce la faccio a leggere…

  9. axelmanhattan ha detto:

    No ti ho solo stordito con l’incantesimo “ABUSO DI DATI” (Classe difficoltà 25+10+livello dell’incantatore+impaginazione del post. Volontà nega)
    In realtà non hai tenuto conto del fatto che una donna non è grassa quando è fisicamente grassa, ma quando è convinta di essere grassa.
    E un cioccolatino psicologico pesa moooolto più di venti grammi.

    AF

    PS(Comunque devo appurare se il potenziale calorico-energetico di un cioccolatino è inferiore o superiore ad uno strato lipidico umano)

  10. axelmanhattan ha detto:

    Quella degli psico-cioccolatini è la 4a legge della termodinamica
    OVVIAMENTE :O

  11. ylenija ha detto:

    Mitttico axelmanhattan! :D

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...