Barack

La notizia di ieri di un complotto neonazi per uccidere Obama sventato mi ha fatto venire i brividi lungo la schiena.

Non tanto per l’attentato, non tanto per l’idea che sta dietro, non tanto per i nazi e non tanto per Obama.

Per l’idea che i candidati debbano convivere pacificamente con l’idea che qualcuno nel loro paese li voglia morti. Con l’idea che qualcuno ci proverà pure.

È chiaro che fa parte del loro mestiere, che è intrinseco nella vita politica essere a rischio di vita.
Ma io avrei seri problemi ad accettare il fatto che se qualcosa fosse andato storto nei controlli dei servizi segreti dei bambocci mi avrebbero sparato contro. Seri problemi ad accettare il fatto che c’è una concreta possibilità che io muoia per mano altrui.

È qualcosa di estremamente lontano dalla nostra vita la possibilità che qualcuno ci voglia morti. Lontanissimo. Qualcosa che non possiamo nemmeno immaginarci in linea teorica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...