Prime parole

“Homer!” “No, Bart… Babbo!” “Homer!” “Bart, io sono il Babbo!” “Ba… ba… Babbeo!”

Le prime parole del figlio sono uno di quegli eventi che ogni genitore non vorrebbe perdersi per nessun motivo al mondo. Ognuno ha la sua prima parola. Senza stare a contare gli insulsi “mamma” “pappa” ecc ecc.

Io ne ho detta una piuttosto particolare… In braccio a mia mamma, sul balcone alla sera, guardo felice il cielo e esclamo sereno “Luna!”. Sono fiero che la mia gatta sia stata chiamata così xD

D’altra parte in famiglia non siamo mai stati molto normale sotto questo aspetto. Come primo pensierino scritto nella sua umile vita, mio fratello dava già i segni di essere instradato verso la via della tragedia, quadratura e ottusità: l’ingegnere.
Come scrive nel titolo del suo blog, la frase fu questa:

“Il fagiano sa contare fino ad uno”

Ed ecco che allora, se nella mia prima parola alla fine si intravedeva già il mio carattere sensibile (sì, sono sensibile e TANTO, anche se alla fine non lo do mai a vedere), nella sua prima frase si scorgeva già quella via di scrupolosità e di scientificità, riflessa nel voler eseguire una analisi qualitativa del fagiano.
E sarò folle, ma vista la meccanica analizzata prettamente Booleana del fagiano che, come i computer, funziona solo a ZERO e UNO, solo per vero e falso insomma… Fossi stato nella sua maestra Rina mi sarei potuto giocare quattrocentomila lire e la tetta destra che sarebbe diventato ingegnere informatico.

D’altra parte in ogni cosa del mondo il come ci si presenta è una cosa fondamentale che ci marchia quasi a fuoco.
Se ci si presenta al datore di lavoro al colloquio ruttandogli in faccia, come prime parole di introduzione sarebbero esattamente il massimo… no?
E invece se mi presento bene educato il primo giorno di scuola ai miei professori, faccio una bella figura e di certo non partiranno maldisposti con me.

Magari è così anche per la parte più subconscia del nostro cervello, tanto che si potrebbe fare una analisi statistica, una di quelle ricerche da 2 milioni di $ di investimento che vincono direttamente il premio ig-nobel!

E Rat-Man, non insegnare le parolacce al bambino!”
“Va bene! Allora piccolo, cos’è che non devi dire allo zio Brakko?”

“Ulo!”
“Bravissimo!”

Le ricerche che da Google hanno portato dei pazzi al mio blog oggi sono state…

pppppppppppppppppppppppppppppppppppppppp (mah)
msn per mac feature particolari
Sesso mio prof filosofia
“fetta di torta”
migliori cuffiette al mondo
fare la casa e la famiglia da accudire o
Cerca amici con MSN di 12 anni
alle 4 del mattino
consigli ad un amico che non crede in se
befana- frasi e immagini
l’uomo furbo
sfigati che limonano
mr olympia is back on italia uno
frasi carine di apertura

Annunci

9 thoughts on “Prime parole

  1. axelmanhattan ha detto:

    non approvo questo post: nessuno ha mai dimostrato scientificamente che il fagiano funzioni in codice binario.

    Ne tantomeno è riuscito a farlo girare sotto windows…

  2. silencesorrow ha detto:

    la mia prima parola è stata “subconscio”….^^

  3. axelmanhattan ha detto:

    la mia prima parola è stata “a lavorare dovete andare”

  4. Amidee ha detto:

    Non sapete stare seri un secondo P:

  5. CricetoBianco ha detto:

    Uff, ma cosa vuol dire: “Senza stare a contare gli insulsi “mamma” “pappa” ecc ecc.” e allora? Cos’è, un gioco di carte in cui vince chi ha detto la parola più figa? -_-”’
    Una piccola domanda: credi che la parte subconscia del tuo cervello, all’età di 1anno sia così sviluppata?
    MAH! Ok, per una volta faccio la parte della rompiballe, e allora? :P

  6. Amidee ha detto:

    Ma perché chiunque ha detto come prime parole “mamma” & co…
    Anche io ho detto come prima altre parole come mamma e babba

    Era solo per sapere cosa sono state le prime parole un filo più “articolate”

  7. darionescu ha detto:

    Io da piccolo avevo fatto un mio linguaggio in cui utilizzavo principalmente vocali e delle consonanti soprattutto la t e la d. Ad esempio:
    luna=Uà
    lampadario/lampada= dan
    campanile = don
    qualsiasi cosa fosse rotondo (stelle, trottole) = gìa gìa (gira gira)
    il mio nome (Dario) = Dando

  8. Amidee ha detto:

    Per questo hai scelto il cognome Costantinescu, no? Facile da riprodurre con sole vocali! xD

  9. CricetoBianco ha detto:

    Non avevo mica capito!:P Poi creai un linguaggio mio, che uso tuttora, in cui creavo le parole, comodo no?;D

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...